Come da indiscrezione, ieri sera i margiottiani si sono riuniti a Potenza, da Go Desk, convocati da Maura Locantore, con lo stesso Salvatore Margiotta. Cosa si sono detti? ecco di seguito i 5 punti salienti della discussione:

  • Saluti e complimenti per Maura Locantore, prima donna per numero di preferenze in questa tornata elettorale

    il tweet di Margiotta

    il tweet di Margiotta

  • Tante le lamentele sulle dimensioni del simbolo in una lista civica: lillipuziano
  • Il candidato governatore scelto è brava persona ma non politico, una scelta accettata, ma non condivisa appieno
  • Si deve ricostruire il PD: non saranno richieste dimissioni di nessuno, ma è necessario riformare la classe dirigente, però di fronte a una visione politica inadeguata qualcuno dovrà farsi da parte. Il partito deve essere unito, ma se necessario si potrebbe anche arrivare a praticare opposizione interna.
  • Non tutti hanno rispettato i patti in queste elezioni “mentre noi siamo stati leali” avrebbe detto Margiotta, che questa mattina presto ha twittato un messaggio manco tanto in codice che sostanzialmente recita: “Se il Pd non è sinora cambiato per necessità o per scelta, vuoi vedere che alla fine sarà costretto a cambiare per disperazione”?