All’iindomani dell’incontro con la delegazione di Centrosinistra: “Non mi sento di rappresentare nè il centrosinistra, nè il centrodestra”. Il sindaco intenzionato ad andare avanti con chi crede nel progetto all’insegna del civismo”

di Angelomauro Calza

Per chiarire la posizione del sindaco uscente abbiamo parlato proprio con lui ed inizia subito con il chiarire il suo pensiero sul Centrosinistra

Sindaco, mi risulta che l’incontro di ieri con una delegazione del centrosinistra si sia concluso con una sua disponibilità a candidarsi sindaco con il centrosinistra, ma anche con quella di fare un passo indietro in presenza di un altro nome che sia catalizzatore di consensi nell’ambito della coalizione. E’ così?

Il Comune di Potenza

Il Comune di Potenza

Non è vero niente. Né l’uno né l’altro. E’ stata una interlocuzione pura e semplice. Hanno chiesto di parlarmi e io ho spiegato quella che è la mia idea di civismo, che sostanzialmente sia trasversale e che comprenda persone anche di estrazioni differenti, ma al di fuori dagli schieramenti di partito. Ho detto questa è la mia posizione. Loro mi hanno detto che pensano che un centrosinistra unito possa essere un valore aggiunto. Io ho detto che no. Se è un valore aggiunto lo è per loro certamente, ma non per me. (…) . Io non sono un uomo di partito, non ci riesco a stare in una logica di partito, sono un civico puro, e quindi non mi ci vedrei a rappresentare una coalizione di centrosinistra tanto quanto una di centrodestra. Penso che sia giusto che le forze delle persone si uniscano intorno a un progetto.

Alle 9.00 domattina online la lunga intervista esclusiva integrale.