Il messaggio che ha raggiunto centinaia di potentini durante l’ultima settimana di campagna elettorale invitava implicitamente gli amici a votare per il centrodestra, ma sarebbe solo una iniziativa molto scorretta da parte di ignoti

di Angelomauro Calza

Negli ultimi giorni di campagna elettorale, prima del voto di domenica 9 giugno, nel circuito whatsapp è stato veicolato un appello al voto molto particolare, che è giunto a centinaia di potentini. Il messaggio (nella foto) recitava così:

Intanto grazie ancora affettuosamente a chi ha votato Roberto conseguendo un “quasi risultato”. Quasi risultato, in quanto la partita non è conclusa. Essa si conclude domenica prossima col ballottaggio. Sicuramente sei informato, ma in ogni caso la situazione è la seguente: se il candidato Valerio Tramutoli avesse deciso di apparentarsi con le liste che avevano come candidata sindaca Bianca Andretta, Roberto sarebbe già eletto. Siccome, come detto Tramutoli non ha voluto apparentarsi con le liste di Centro Sinistra collegate ad Andretta, ne deriva paradossalmente che Roberto sarà eletto solo se al ballottaggio vince Guarente.  Auspico, anzi sono certo, che ognuno nell’ambito della propria libertà di voto domenica 9 giugno saprà cosa fare. Comunque in ogni caso… GRAZIE… GRAZIE  ANCORA. Nino.”.

Il Roberto indicato nel whatsapp ha tutte gli elementi per essere ricondotto a Roberto Falotico. Abbiamo aspettato sino ad oggi per la pubblicazione, per non innescare pericolose reazioni durante la campagna elettorale, ma ora, a urna chiuse e risultati acquisiti, ne parliamo. E la prima domanda che sorge spontanea è: ma questo messaggio è originale o è un fake? Abbiamo sentito direttamente Roberto Falotico che smentisce e precisa:

Roberto Falotico

Roberto Falotico

“Gli amici miei hanno avuto un input molto chiaro: se ci può essere qualcuno che si vuole divertire a fare queste cose qua sicuramente non è il candidato Roberto Falotico. A me questa cosa infastidisce. L’indicazione che ho dato è stata retta e chiara, ed è quella di partito, altro non potevo dire. Qualcuno mi ha girato il messaggio whatsapp e ho subito pensato a una fake news, perché se io avessi avuto voglia di fare una cosa del genere non avrei avuto bisogno di mandarlo a dire.  Il tema è anche un altro: io le cose che ho fatto le ho scritte. Ho dichiarato alla Gazzetta del Mezzogiorno che io per quanto riguarda le indicazioni di voto mi rimetto alle decisioni del partito e non del singolo. Io devo essere coerente con me e con i miei elettori”.