Altro che rinuncia! E’ l’attuale legge che sancisce la incandidabilità al Parlamento dei sindaci dei Comuni con più di ventimila abitanti. Ma lo sapevano lui e il suo Movimento?

di Ghino di Punta

“Il sindaco di Matera, Domenico Bennardi (M5S), non si candiderà per le Politiche del 25 settembre prossimo”.

Il sindaco di Matera, Domenico Bennardi

Così oggi titolano diversi giornali, che hanno ripreso un comunicato stampa. L’ANSA per prima ieri ne ha dato notizia e alla stessa Agenzia il primo cittadino della Città dei Sassi ha dichiarato che “gli è stata proposta una candidatura” per le Parlamentarie del Movimento, ma che preferisce portare avanti il lavoro avviato per la città. Stiamo lavorando – ha aggiunto il sindaco all’Ansa – per una candidatura materana da presentare per le Parlamentarie del Movimento”. L’uscita di Bennardi ha indotto in errore la stampa locale, che ha ripreso la dichiarazione come giusto che sia, visto che nei giorni precedenti la notizia aveva già occupato le cronache politiche locali (noi non avevamo dato per scelta notizia della sua indecisione): accettare o no? Ma il sindaco è un burlone, dai, lo sappiamo che si diverte a scherzare con la stampa per rompere la monotonia di questa estate caldissima, e con le sue bricconcellate riesce, a noi che sudatissimi non ce la facciamo manco a muovere i muscoli facciali, a strapparci un sorriso. Pensiamola così, dai. No, dico: pensiamola così, perchè altrimenti dovremmo preoccuparci di un sindaco, di un Movimento politico che non sanno o fanno finta di non sapere che i Sindaci dei Comuni con più di 20.000 abitanti non sono candidabili. Lo sanno o fanno finta finta di non sapere che per candidarsi questi sindaci suddetti devono dimettersi almeno 180 giorni prima del voto (cioè 6 mesi)? Lo sanno o fanno finta di non sapere che nel caso di elezione anticipata tale termine è ridotto a 7 giorni dopo il decreto di scioglimento delle camere del Presidente della Repubblica (leggi qua)? Cioè lo sanno o fanno finta di non sapere che Bennardi avrebbe dovuto dimettersi più o meno già un mese fa? Allora la notizia qual è? Semplice: il sindaco di Matera non si candida perché ormai non è candidabile anche se si dimettese oggi dalla carica.

© copyright www.angeloma.it – è consentita la riproduzione anche parziale a scopo di critica, confronto e ricerca purché con citazione